Provincia di Cosenza, Sala degli Specchi: alla presenza del Presidente Mario Occhiuto, presentata la nuova scommessa di AIL Cosenza: assistenza domiciliare per i pazienti ematologici.


Cosenza, 29 gennaio 2016 – “Portare le cure a casa dei pazienti che non possono recarsi in ospedale”. Un obiettivo chiaro e netto, che l’Avvocato Ornella Nucci, presidente di AIL Cosenza FAS, è convinta di poter raggiungere “con l’aiuto e il sostegno dei nostri volontari e dei cosentini in genere, che dimostrano sempre una grande sensibilità verso le necessità dei malati ematologici e delle loro famiglie”. Lo scopo, come sempre, è nobile. Il mezzo, questa volta, è “artistico”: un calendario realizzato da Francesco Sesso, fotografo cosentino, composto da una selezione di suggestivi scatti nei fondali marini (“rigorosamente calabresi” ha precisato il fotografo nel corso della conferenza stampa di presentazione di questa mattina). I proventi della vendita dei calendari finanzieranno l’acquisto di una cosiddetta “macchina medica”, ovvero un’autovettura opportunamente modificata e accessoriata per il trasporto di sangue, medicinali ed emoderivati, un mezzo indispensabile per poter avviare il progetto di cure domiciliari ai pazienti ematologici.

“Ma la fotografia più bella – ha detto il Presidente della Provincia e Sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, intervenendo nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa – è quella che ritrae le realtà come AIL Cosenza, che quotidianamente sostengono i malati e le loro famiglie con atti di vera vicinanza e aiuto concreto.”

“Non bastano le parole di noi amministratori e politici per esprimere riconoscenza a quanti dedicano il loro tempo ed il loro amore ad alleviare le sofferenze dei malati, a rendere meno pesante la loro condizione, il loro cammino attraverso la malattia e la cura. Spesso, dove mancano le istituzioni e la politica sopperiscono le associazioni come AIL Cosenza. Io non posso che ringraziare e sostenere queste persone.”

Di “piccolo contributo” ha parlato l’autore degli scatti che compongono lo splendido calendario firmato AIL Cosenza FAS, Francesco Sesso. “E’ un onore e un piacere – ha detto l’artista – poter contribuire, attraverso quello che più mi rappresenta, la mia arte, le mie foto, a compiere un’impresa che sarà importante per così tante persone.”

“Per l’Unità operativa di Ematologia di Cosenza sarà fondamentale poter disporre di una opportunità come quella delle cure domiciliari ai pazienti. Quella dell’assistenza domiciliare – ha detto il Dottor Fortunato Morabito, direttore dell’UOC di Ematologia dell’Annunziata – potrebbe essere la risposta più efficace da parte di un sistema sanitario attento ed efficiente, a un territorio vastissimo e oro-geograficamente complesso come quello della provincia di Cosenza. Pensiamo a un paziente che vive a 100 chilometri di distanza dall’ospedale e deve affrontare una terapia che si articola in sette giorni: per fare avanti indietro per sette giorni di seguito percorre migliaia di chilometri, praticamente la stessa distanza che percorrerebbe se si curasse nei grandi centri del Nord, i cosiddetti centri d’eccellenza. Questo è un modo di perpetuare l’abitudine all’“exodus” dei nostri conterranei per le cure sanitarie. Dobbiamo, invece, trovare il modo di essere più vicini ai nostri pazienti – ha concluso Morabito – più disponibili a venire incontro alle loro esigenze, pronti a gestire tutte le situazioni. La possibilità di somministrare le cure (anche se solo palliative per adesso) e di fare le trasfusioni a domicilio farà crescere ulteriormente l’Unità di Ematologia, che già – grazie sempre alla sezione AIL di Cosenza Fondazione Amelia Scorza –  ha realizzato tanto in questi anni: pensiamo a Casa AIL, nata solo qualche mese fa, ma anche al nostro centro di ricerca di Aprigliano, il nostro fiore all’occhiello”.

Presenti alla conferenza di presentazione anche gli sponsor dell’iniziativa: la gioielleria Scintille Montesanto, la Promotional Brand, con Renato Nuzzolo, e il Rotary Club di Rende, rappresentato dall’avv. Teresa Fotia.

“Noi supporteremo sempre le associazioni che puntano alla centralità del paziente – ha dichiarato Lara Luciano, presente per conto di Sergio Mazzuca, titolare della gioielleria Scintille Montesanto – e crediamo nel fatto che una goccia dopo l’altra formi un oceano. Per questo abbiamo contribuito alla realizzazione del calendario AIL 2016”.

“E’ sempre un piacere abbracciare le iniziative solidali del nostro territorio – ha detto, invece, Maria La Valle, per l’azienda Promotional Brand – e speriamo che ciascuno contribuisca a sostenerle”.